Cos’è la Brexit?

Brexit è un termine che viene fuori spesso nelle notizie, e lo ha fatto in particolare dal 2016. La posta in gioco dietro quella che sarebbe l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea è colossale. Tuttavia, le condizioni e gli effetti di questo atto non sono ancora chiaramente identificati.

Cos’è la Brexit?

Una combinazione delle parole “British” e “Exit”, Brexit è un’abbreviazione per la separazione della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Questo cambia quindi la sua relazione con il blocco europeo in termini di commercio, politica, sicurezza e migrazione. Nel 2013 l’allora primo ministro David Cameron promise di indire un referendum sull’appartenenza della Gran Bretagna all’Unione europea. Le scelte offerte allora erano: restare o andarsene.

Mentre la migrazione era al centro della scena in tutta Europa, i britannici sono andati alle urne il 23 giugno 2016. Anche se non ancora chiaramente definita, con condizioni ancora poco chiare e misure di accompagnamento ancora da specificare, la Brexit ha comunque ottenuto il 52% dei voti.

Cosa c’è in gioco?

L’Europa rappresenta il più grande mercato di esportazione della Gran Bretagna e anche la sua principale fonte di investimenti esteri. L’appartenenza della Gran Bretagna al blocco europeo ha permesso a Londra di consolidare la sua posizione come centro finanziario globale. A causa della Brexit, l’annuncio di una grande azienda di lasciare la Gran Bretagna avviene regolarmente. Insieme a molti altri, il produttore di aerei Airbus è uno di questi. Da allora, alcuni esperti prevedono un declino dell’economia del paese con la Brexit.

Il primo ministro May, nel frattempo, aveva annunciato che la Brexit avrebbe messo fine alla libera circolazione, il diritto dei cittadini di altri paesi europei di vivere e lavorare in Gran Bretagna, e viceversa. Questo ha rallegrato alcune persone della classe operaia che vedono l’immigrazione come una minaccia al loro lavoro, ma i giovani britannici che sperano di studiare e lavorare all’estero sono preoccupati.

Perché la Brexit non è efficace?

Non è molto facile cancellare e allontanarsi da un’integrazione economica che è durata quasi 50 anni. Inoltre, i due principali partiti britannici che sono i conservatori da una parte e l’opposizione laburista dall’altra sono divisi sulla giusta via da seguire. Questo ha lasciato il Parlamento britannico diviso e indeciso.

D’altra parte, il Partito Democratico Unionista dell’Irlanda del Nord ha detto che non può sostenere una proposta che separerebbe economicamente la regione dal resto del Regno Unito. Così il partito conservatore, che conta sul sostegno di questi deputati unionisti democratici per rimanere al potere, nonché sul loro sostegno per un accordo sulla Brexit, è ora meno sicuro di farlo passare in Parlamento.

Anche il partito laburista all’opposizione della Gran Bretagna ha criticato gli accordi offerti finora. Quel partito ha anche detto di voler tenere un voto pubblico, per permettere ai britannici di votare sull’uscita dall’Unione Europea alle sue condizioni, cioè un’inversione totale della Brexit.

Oggi, quindi, nulla è certo sull’efficacia della Brexit e mentre il primo ministro Boris Johnson aveva promesso un completamento entro il 31 ottobre dello scorso anno, alla fine ha dovuto chiedere un rinvio al 31 gennaio 2020.

Trova una casa vacanze in affitto a Saint-Briac-vicino al mare
In quali paesi c’è la regalità?